9 Aprile 2020
Condividi :

Come usare il green screen anche a casa

Lavorare da casa in questo periodo è diventato una costante. In queste circostanze registrare dei video ci potrebbe sembrare una pessima idea. Ma è possibile realizzare dei contenuti professionali anche in queste condizioni?


Si, e abbiamo visto nell'articolo precedente, come sia possibile ottenere delle buone inquadrature anche in casa, a patto di avere un buono sfondo e un locale abbastanza ampio.  

Ma cosa fare quando non si ha un locale a disposizione e nemmeno un buono sfondo? 

Il cinema ci regala un bel trucco, quasi una magia, il Greenscreen.  



Cos’è il greenscreen 


Molto semplice, si tratta di uno schermo verde da posizionare dietro i soggetti da inquadrare,  normalmente è costituito da un tessuto di colore verde, ma potrebbe anche essere di carta o cartone, legno o plastica. A volte si preferisce pitturare una parete di vernice verde o addirittura basta illuminarla di luce verde.  

Questo fondale verde deve essere illuminato in maniera più omogenea possibile e non deve presentare ombre.  

Avere uno sfondo completamente verde dietro di noi, ci permette di eliminarlo durante la fase di montaggio utilizzando il chroma key.  

Ma a questo punto qualcuno si starà chiedendo che senso ha procurarsi uno sfondo verde per poi eliminarlo successivamente!? 

Ha senso perchè una volta rimosso il verde dalla nostra ripresa, potremo sostituirci qualsiasi immagine o filmato di sfondo. 

In pratica, durante il montaggio, il verde diventa trasparente.  

Possiamo far finta di essere in un sontuoso ufficio a Manhattan oppure in spiaggia alle Maldive.  

Possiamo anche mettere di sfondo delle grafiche, delle animazioni, ma anche le nostre presentazioni.  


Direste mai che il video sopra è stato girato con un greenscreen? 

Abbiamo poi usato un filmato del nostro studio come sfondo. 

Vediamo ora come realizzare le nostre riprese col greenscreen in casa, anche se non ne abbiamo comprato uno.



GREENSCREEN FATTO IN CASA  


Non abbiate paura, il greenscreen è qualcosa che possiamo davvero anche fare in casa.

Abbiamo diverse possibilità per ottenere uno sfondo verde, i più fortunati magari si ritrovano una parete già colorata di verde in camera dei bambini eheh, oppure possono verniciare una porzione di muro di un bel verde intenso. 

Altrimenti?  

Usiamo le lenzuola! Controlliamo nel guardaroba, soprattutto chi ha figli potrebbe trovare delle lenzuola di colore verde. 

La tonalità di verde in questo momento non è importante, quello che conta è che sia completamente verde e che sia il più intenso possibile. 

Se non troviamo neanche le lenzuola, quello che possiamo fare è sacrificare un lenzuolo bianco o comunque molto chiaro e colorarlo di verde. 

Una volta recuperato il nostro lenzuolo siamo quasi pronti a registrare. 

Questo andrà posizionato dietro di noi, possibilmente un po distante e dobbiamo fare in modo che non sia stropicciato e che non si formino ombre troppo marcate. 

L’illuminazione del greenscreen deve essere il più uniforme possibile, soprattutto attorno al soggetto. 

Ovviamente non dobbiamo indossare vestiti e accessori di colore verde, altrimenti diventeranno anch’essi trasparenti in fase di montaggio e otterremmo l’effetto “Caccamo”. 


Errori da evitare

Vediamo una serie di casistiche da evitare: 

  • -Se siamo troppo vicini al lenzuolo e la nostra figura proietta un ombra molto evidente sul fondale verde, avremo diversi problemi in fase di montaggio  
  • -Se il fondale è troppo poco illuminato,  avremo problemi in fase di montaggio.

Per risolvere queste situazioni problematiche, consigliamo l’uso di una luce dedicata, da posizionare esattamente dietro di noi, questo ci aiuterà tantissimo ad illuminare il fondale esattamente nel punto giusto.   



Passiamo ora al montaggio.  

Se possibile il nostro consiglio è quello di utilizzare un software come Final Cut Pro per Mac oppure Adobe Premiere Pro, sia per Mac che per Windows.  

Per consentire a tutti di provare, abbiamo scelto di usare software gratuiti.  

Abbiamo usato per tutti i dispositivi Apple, Mac, iPad e smartphone  iMovie, che è un software disponibile gratuitamente. 

Per windows, in generale, di editor video gratuiti che includono soluzioni per chroma key di qualità non se ne trovano molti...potreste usare Openshot  che è un editor che funziona sia su Windows, che su Mac e pc Linux; purtroppo però la qualità del risultato con questo programma non è il massimo quando usiamo il greenscreen. 

Quindi abbiamo scelto di usare un altro software, che funziona sempre sia con Windows, Mac e Linux. Si tratta di OBS

Non è un vero e proprio editor, è un programma per trasmettere streaming live, ma fa proprio al caso nostro, perchè permette di ottenere facilmente risultati sorprendenti. 

Inoltre, soprattutto in questo periodo, non fa mai male sperimentare con un software del genere, potrebbe tornarci utile per organizzare delle sessioni di formazione online in modalità live. 


Montaggio con IMovie

Partiamo adesso con iMovie , per prima cosa dobbiamo importare uno sfondo e il nostro filmato col greenscreen.  

Posizioniamo prima lo sfondo sulla timeline e sopra di esso posizioniamo il nostro filmato.   

Selezioniamo il nostro filmato sulla timeline e clicchiamo l’icona “impostazioni di sovrapposizione”.   

Successivamente selezioniamo dal menu a tendina “schermo verde/blu”.   

E il gioco è fatto, lo sfondo verde è sparito e adesso si vede l’immagine di sfondo che abbiamo scelto.   

Se il nostro sfondo non ha ombre ed è illuminato omogeneamente non avremo problemi, altrimenti potremmo avere qualche difficoltà.  

Con iMovie potremo fare ben poco per correggere questi problemi, mentre con Final Cut Pro e Adobe Premiere probabilmente riusciremo ad ottenere comunque un buon risultato. 

L’unica soluzione free è rifare la ripresa cercando di disporre e illuminare meglio lo sfondo verde. 


Montaggio con OBS

Vediamo adesso come ottenere lo stesso risultato con OBS.  

Rispetto ad iMovie l’approccio è completamente diverso, essendo appunto due software con scopi diversi. 

Per prima cosa dobbiamo creare due sorgenti: 

La prima è l’immagine di sfondo che abbiamo scelto. 

La seconda è il nostro video col greenscreen.  

Adesso dobbiamo fare clic col tasto destro sulla sorgente collegata al video col greenscreen e cliccare su filtri. 

Successivamente aggiungere il filtro chroma key. 

Dovremo giocare un attimo con i selettori di somiglianza e morbidezza al fine di ottenere il risultato desiderato. 

Infine se vogliamo ottenere una copia di questo video con lo sfondo modificato, dovremo cliccare su “inizia registrazione” e OBS genererà il file contenente il video ottenuto. 

L’unica pecca è che dovremo aspettare fino alla fine della riproduzione del video. 

Questo è il risultato ottenuto. 

Per alcuni aspetti è anche migliore di quello fatto con iMovie

Come avete visto, con un po di fantasia e voglia di sperimentare possiamo facilmente ottenere degli ottimi risultati. 



ACQUISTARE UN GREENSCREEN 


Se invece abbiamo del budget da destinare all’acquisto di un greenscreen, possiamo acquistarne uno su Amazon, anche in questo periodo.  

Noi consigliamo sempre di abbondare con le dimensioni dello schermo, in quanto più è grande e più si potrà posizionare lontano dal soggetto, oltre a lasciarci maggiori possibilità creative. 

Ci rendiamo conto che questo non è sempre possibile per motivi di spazio. 

Vi consigliamo quindi questi 3 modelli per tutte le esigenze sia di spazio che economiche: 

  • -Elgato green screen sia nella versione pieghevole che nella versione a soffitto, si fa pagare di più ma ha una resa eccezionale, inoltre è molto pratico. E’ la soluzione più usata dai gamer.  
  • -Neewer chroma key pieghevole, estremamente economico, facilissimo da trasportare.  
  • -Neewer chroma key fondale con supporto, economico,  comprende tutta la struttura e l’occorrente per il montaggio, a differenza dei precedenti è più grande ma richiede una maggiore attenzione alle pieghe che si potrebbero formare.

Non pubblichiamo i link di Amazon in quanto in questo periodo, prezzi e venditori cambiano rapidamente, in ogni caso sono facilmente reperibili facendo una ricerca. 


Nel video sopra potete vedere il risultato che si può ottenere con un greenscreen dedicato, e come vedete è praticamente identico a quello fatto in casa.  

Il vantaggio di avere un greenscreen del genere è che il suo utilizzo è più pratico, si può spostare più facilmente e normalmente ha meno imperfezioni rispetto ad uno autocostruito, questo ci permetterà di ottenere dei risultati ottimali in fase di montaggio. 


Nel prossimo articolo parleremo di luci e di come illuminare al meglio le nostre riprese casalinghe. 



Condividi :

Perchè nasce questo blog?

Per dare risposte semplici e facilmente applicabili a tutte le persone interessate al mondo della formazione online, sia in modalità on-demand che live.

Di cosa parliamo?

Sono 3 le tematiche principali: tecnica, didattica e business.
Partiamo dall’attrezzatura necessaria per la produzione dei video e dal corretto uso degli strumenti, per realizzare dei contenuti professionali e di qualità. Scopriamo le tecniche per progettare percorsi didattici efficaci e di facile apprendimento, perchè insegnare online non è come insegnare in aula. Affrontiamo il percorso che porta sul mercato un contenuto formativo , approfondendone gli aspetti di business e marketing.

Perché seguirci?

Per avere sempre per primo contenuti freschi e aggiornati.

NEWSLETTER



Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina privacy policy di questo sito.


ISCRIVITI
ANNULLA

FEEDBACK



Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina privacy policy di questo sito.


INVIA
ANNULLA