4 Dicembre 2018
Condividi :

Come trovare l'idea giusta per il tuo corso

Trova l’idea rilevante per il mercato. Chi ha bisogno della tua idea? Non creare un videocorso per tutti, ma seleziona chi può vedere il tuo corso.


Che idea hai avuto?

Questa domanda la sentiamo spesso quando concepiamo un nuovo potenziale business. 

In diverse accezioni. 

Appena messa su carta la nostra idea, la sentiremo riecheggiare nella nostra mente mentre camminiamo sollevati tre metri da terra “ma che idea ho avuto?” E ci sentiremo già lanciati in un business di successo. 

L’entusiasmo non ci abbandonerà nei giorni successivi e nemmeno questo pensiero, che ci renderà sempre più impazienti nel voler concretizzare. 

Poi ecco sopraggiungere la prima difficoltà. 

Continueremo a sentire questa frase nei nostri pensieri. Ma questa volta invece di proiettarci verso l’infinito e oltre,  ci tirerà giù nello sconforto, ci sentiremo scoraggiati e ci ripeteremo “ma che idea ho avuto?” 

Questo è il momento cruciale in cui scrivere su carta non più la nostra idea ma proprio la nostra domanda ricorrente

Che idea ho avuto?

 E iniziare a dare una risposta seria, articolata e ragionata. 

Questa è la nostra ricerca di mercato.

Esiste già qualcosa di simile sul mercato o è una novità? 

Se siamo i primi a proporre questa idea occorre fare delle attente valutazioni sulla potenziale clientela e sulla reale necessità di questo prodotto/servizio. 

A volte si ha la geniale intuizione di andare a colmare un vuoto, molto spesso invece nessuno si è ancora mosso perché non esiste una domanda e non ci sarebbero clienti interessati all’acquisto e fruizione del bene. 

Al contrario se sul mercato dovesse già esistere qualcosa di simile non dobbiamo scoraggiarci.

La presenza di concorrenti ha i suoi risvolti positivi. 

Ci offre la possibilità di studiarli, di comprendere i loro punti di forza e, soprattutto oggi in cui le interazioni con la clientela sono molto più dirette e social, tramite i commenti ai loro prodotti e le recensioni possiamo afferrarne i punti di debolezza. 

Comprendere a chi si rivolgono le idee dei nostri competitors, a quale necessità danno risposta, e come vi danno risposta, è un’occasione unica di crescita per noi. 

In sintesi possiamo stilare una lista di pro e contro reali, e su questa sviluppare la nostra proposta, aggiustando il tiro e prendendo meglio la mira contemporaneamente.

Cosa ci distingue dalla concorrenza? 

Grazie all’analisi appena svolta, che ci richiede un pc, una connessione a internet, tanta ricerca e un po’ di riflessione, possiamo ora capire l’importanza di differenziarci. 

Se già altri propongono qualcosa di simile, il nostro prodotto/servizio deve offrire qualcosa in più ai nostri clienti. 

Dobbiamo avere un’idea rilevante per il mercato a cui ci rivolgiamo.

Dobbiamo trovare una domanda dei nostri clienti a cui ancora non sia stata data risposta e su questa concentrarci maggiormente. 

Ad esempio: vogliamo realizzare un corso che insegni a creare video di qualità per i principali canali social. 

Ad oggi esistono tantissimi corsi online per futuri filmmakers. Molti tutorial sull’uso delle piattaforme social. Quindi il mercato sembrerebbe essere saturo. 

Ma che valore aggiunto possiamo offrire? Chi può aver bisogno di un video di qualità per i social? 

Una risposta potrebbe essere un’azienda che necessita di sponsorizzare i propri prodotti. Allora ci chiederemo: esiste un corso che insegni le basi di ripresa, montaggio e post-produzione che possa permettere a chi si occupa di marketing di poter creare i propri video promozionali in autonomia senza l’intervento di agenzie esterne? 

Ecco colmato un vuoto, ecco trovato il nostro valore aggiunto. 

Analizzata la concorrenza, focalizzato il valore aggiunto della nostra offerta, rimane da considerare la nostra clientela.

Occorre sapere per chi abbiamo creato il prodotto, chi ha bisogno della nostra idea?

Più la risposta a questa domanda sarà precisa e a fuoco, più aumenteranno le nostre possibilità di successo. 

Nell’esempio trattato sopra abbiamo ben notato come i nostri clienti non siano più, come forse avevamo concepito inizialmente, tutte le persone interessate a creare video di qualità sui social , ma esperti di marketing con la necessità di creare contenuti video di qualità per la promozione di prodotti e servizi sulla rete. 

Non dobbiamo avere il timore di selezionare la nostra clientela. 

Sicuramente il numero di persone interessate a creare video di qualità sui social sarà di gran lunga maggiore rispetto al numero di marketer presenti sul nostro territorio.

Ma mentre la maggior parte degli utenti sarà disposto a spendere molto tempo in ricerca di tutorials e tools gratuiti, non puntando a un risultato da esperti, i nostri marketer saranno in cerca di una formazione mirata, professionale, che gli dia il massimo risultato nel minor tempo possibile, e saranno disposti a pagare per questo nostro servizio costruito intorno alle loro esigenze. 


Avere un minor numero di clienti a cui destinare la nostra proposta non è necessariamente un fattore negativo. 

Avere un maggior numero di clienti in target per la nostra proposta, ciò è assolutamente positivo.


Ma come e dove troviamo i nostri clienti? Questa ed altre risposte nell’articolo seguente




Condividi :

Perchè nasce questo blog?

Per dare risposte semplici e facilmente applicabili a tutte le persone interessate al mondo della formazione online, sia in modalità on-demand che live.

Di cosa parliamo?

Sono 3 le tematiche principali: tecnica, didattica e business.
Partiamo dall’attrezzatura necessaria per la produzione dei video e dal corretto uso degli strumenti, per realizzare dei contenuti professionali e di qualità. Scopriamo le tecniche per progettare percorsi didattici efficaci e di facile apprendimento, perchè insegnare online non è come insegnare in aula. Affrontiamo il percorso che porta sul mercato un contenuto formativo , approfondendone gli aspetti di business e marketing.

Perché seguirci?

Per avere sempre per primo contenuti freschi e aggiornati.

NEWSLETTER



Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina privacy policy di questo sito.


ISCRIVITI
ANNULLA

FEEDBACK



Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina privacy policy di questo sito.


INVIA
ANNULLA